Valle di Susa

Tour storici e culturali, itinerari naturalistici ed enogastronomici, paesaggi mozzafiato, al crocevia delle arterie di comunicazione con la Francia: questa è la Valle di Susa, teatro principale dei giochi olimpici Invernali di Torino 2006.
Innumerevoli le tracce del passato. Evidenti nella città di Susa sono i resti romani, tra cui spiccano l’Arco di Augusto e l’anfiteatro perfettamente conservato.
Le ricche testimonianze medievali comprendono tra le altre: la suggestiva Sacra di San Michele, monumento simbolo del Piemonte che ispirò il celebre romanzo di Umberto Eco “Il nome della rosa”, il complesso abbaziale di Sant’Antonio di Ranverso, luogo di sosta e di ristoro dei pellegrini lungo la via francigena, che custodisce il ciclo pittorico di Giacomo Jacquerio, autentico capolavoro del gotico internazionale; infine l’Abbazia di Novalesa istituzione religiosa e culturale che, con il suo convento e le quattro cappelle, presenta un prezioso esempio di arte romanica piemontese e di vita monastica medievale.
A costellare e a proteggere tutta la valle ci sono poi i suoi forti: tra cui il Forte di Exilles che la leggenda dice abbia ospitato tra gli altri un famoso prigioniero, la Maschera di Ferro.
Un ambiente naturale suggestivo e affascinante cattura non solo gli amanti di storia, ma anche gli amanti della natura e degli sport all’aria aperta che decideranno di avventurarsi in questa valle ad ovest di Torino.

Info&Prenotazioni